AdriAquaNet


Progetto AdriAquaNet - Enhancing Innovation and Sustainability in Adriatic Aquaculture
Programma Interreg V-A Italia-Croatia 2014-2020, bando 2017
Asse prioritario  - Blue innovation


Durata
30 mesi, da gennaio 2019 a giugno 2021

Responsabile scientifico per l’Università degli Studi di Udine e Lead partner di progetto
prof. Marco Galeotti

Riassunto
L'obiettivo del progetto è quello di sviluppare nuove soluzioni o adottare soluzioni già esistenti per garantire la sostenibilità dell’allevamento di orata (Sparus aurata) e branzino (Dicentrarchus labrax). Il progetto AdriAquaNet sarà finalizzato a migliorare la sostenibilità ambientale dell’acquacoltura, mediante la progettazione di nuove diete a nuovi protocolli alimentari per queste due specie ittiche, che risultino salutari sia per i pesci che per i consumatori, con un basso impatto sull'ambiente ed economicamente adeguate alle esigenze degli allevatori. Sarà testato un innovativo trattamento anaerobico dei rifiuti provenienti da impianti di acquacoltura intensiva e avannotterie, che consenta di ottenere biogas utilizzabile come energia rinnovabile e verrà studiato un nuovo trattamento dei rifiuti da poter utilizzare come fertilizzante organico in modo da ridurre il loro impatto sull’ambiente. Per promuovere la salute dei pesci e fornire contemporaneamente prodotti sicuri ai consumatori, AdriAquaNet si propone di ricercare nuove soluzioni per limitare l’insorgenza in allevamento di focolai di malattie causate da agenti patogeni batterici e parassitari, in particolare attraverso la ricerca di nuovi vaccini stabulogeni e lo studio di nuove sostanze ad azione antibatterica, antiparassitaria e immunostimolante che risultino economiche e biocompatibili, come i prodotti derivati ​​dalle piante, i prodotti naturali marini (MNP) purificati da invertebrati o microalghe e formulazioni di probiotici ottenute dal microbioma di branzini e orate selvatici. Inoltre, saranno proposti nuovi indicatori operativi di benessere che potranno essere facilmente utilizzati dagli allevatori per valutare il benessere dei branzini o delle orate allevati. Infine, verranno valutate nuove soluzioni per il confezionamento del prodotto finale al fine di aumentare la qualità e la durata di conservazione dei prodotti ittici e di conseguenza la competitività delle imprese. Sono previsti corsi di formazione rivolti a tecnici e operatori del settore.

Partner di progetto
 

Gruppo di lavoro locale
prof. Marco Galeotti, dott.ssa Donatella Volpatti, dott.ssa Chiara Bulfon, dott. Omkar Byadgi, dott.ssa Valentina Pacorig; prof. Emilio Tibaldi, prof. Giuseppe Comi, prof. Francesco Da Borso

Per maggiori informazioni